Dubbi sui tempi dei vaccini?

Una delle cose che pone dubbi e interrogativi sulla efficacia, ma soprattutto sulla sicurezza dei nuovi vaccini per il Covid, è la rapidità con la quale saranno pronti, 1 anno circa (diciamo gennaio- febbraio?), contro tempi decisamente più lunghi di altri analoghi vaccini

Le motivazioni sono molteplici.

  • Contrariamente all’influenza stagionale, il covid non ha conosciuto stagionalità; anche se da noi in estate sembrava scomparso, in altri paesi imperversava. Da qui la facilità di arruolamento dei pazienti, in pratica si è potuto arruolare pazienti anche per tutto il periodo estivo
  • Sono stati investite somme che mai erano state così ingenti con l’intervento dei governi
  • C’è stata una sinergia di lavoro mai vista: prima del covid ogni singola azienda sviluppava il proprio vaccino, in questo caso più aziende hanno  unito le forze in una sinergia altamente efficace.
  • Tutti i laboratori e i gruppi di ricerca hanno messo a disposizione della comunità scientifica tutti i dati, mentre precedentemente ognuno se li teneva per sè
  • Si sono accorciati i tempi della fase 1 e 2: le 2 fasi sono state condotte contemporaneamente con 2 gruppi di pazienti diversi con il solo rischio  di gettare alle ortiche i soldi spesi per la fase 2 se la fase 1 non fosse andata bene.
  • Gli enti certificatori, che ricordiamolo sono indipendenti, sto parlando di FDA americana, EMA europea, hanno costituito delle task force che hanno permesso di analizzare in tempo reale i dati che le aziende hanno mandato a flusso continuo, diversamente dal passato quando i dati venivano mandati alla fine; solo questo ha permesso di ridurre i tempi da 1 anno a 3 mesi
  • Ultimo ma non ultimo, si è iniziato a produrre il vaccino appena i primi dati della fase 3 hanno dato risposte positive senza aspettare la fine della fase3. Come ho già avuto modo di dire il rischio economico di gettare una intera produzione, in questo caso sarebbe stata coperta dai finanziamenti statali

Tutto questo ha permesso di accorciare notevolmente i tempi e, se consideriamo che oltre 130mila persone hanno ricevuto il vaccino contro le 3mila dei vaccini antiinfluenzali, possiamo stare relativamente tranquilli della efficacia e soprattutto della sicurezza, certo sarà d’obbligo poter accedere ai lavori, non ancora pubblicati

Previous Post

Vaccino sì, vaccino no

Next Post

Le mani !!!

Related Posts
Total
0
Share